Le sottrazioni servono? Il resto e la differenza. Come si fa la prova della sottrazione?


Il contenuto dell’articolo è accessibile anche mediante il nostro canale YouTube.

Perché impariamo a svolgere le sottrazioni?

Svolgiamo le sottrazioni anche per risolvere alcuni problemi della vita quotidiana. Immagina… sei a casa, stai giocando ad un gioco da tavolo e hai appena perso 74 punti. Fino ad ora ne hai totalizzati ben 256. Grazie ad una sottrazione puoi scoprire quanti punti ti restano.

Tra qualche anno la sottrazione potrà servirti quando acquisterai qualcosa in un negozio. Magari una bicicletta, utilizzando i tuoi risparmi.

Da adulto potrà servirti nel tuo lavoro. Molti mestieri richiedono la capacità di svolgere le sottrazioni. Secondo te quali sono alcuni dei mestieri in cui bisogna saper svolgere le sottrazioni?

Resto o differenza

Facciamo attenzione alla parola “restano” perché la sottrazione è proprio quell’operazione che ci permette di scoprire un resto. Non è un caso se il risultato della sottrazione si chiama “resto”.

Ora leggiamo con attenzione questo piccolo problema.

Mario ha 98 figurine, il suo album ne può contenere in tutto 234. Quante ne restano per completare la collezione?

Come hai notato, in questo caso la parola “restano” ci aiuta a capire che occorre fare una sottrazione per risolvere il problema. A volte però troviamo un’altra parola che ci può aiutare a capire quale operazione occorre svolgere. Scopriamo insieme quale sia risolvendo un altro problema.

La mamma di Marta ha 35 anni mentre quella di Anna ne ha 23. Qual è la differenza di età fra le due mamme?

Anche in questo caso bisogna svolgere una sottrazione, questa volta però non scopriremo un resto, bensì una differenza. Si procede come nel caso precedente: da un numero più grande, ne togliamo uno più piccolo in modo da scoprire la differenza.

Riesci a vedere qual è la differenza di età delle due mamme?
La differenza è indicata dalla colonna verde? No, la colonna verde indica gli anni della mamma di Anna.
La differenza è indicata dalla colonna azzurra? No, la colonna azzurra indica l’età della mamma di Marta.
E allora come facciamo a vedere la differenza di età in questo grafico?

Secondo te qual è lo spazio che indica la differenza di età fra le due mamme?

Vediamo se hai indovinato…

La differenza è lo spazio compreso fra la quantità più piccola e quella più grande.

Ci accorgiamo anche che il numero più piccolo (verde) + la differenza (rosso) = il numero più grande (azzurro).

La forma della sottrazione

MINUENDO (azzurro) – SOTTRAENDO (verde) = RESTO/DIFFERENZA (rosso)

[azzurro – verde = rosso].

15 (minuendo) – 7 (sottraendo) = 8 (resto o differenza)

La prova della sottrazione

La prova della sottrazione ci permette di controllare se il resto che abbiamo trovato svolgendo i calcoli è corretto. 

Come si fa la prova? Vediamo un po’…

Ricordiamo cosa abbiamo imparato guardando il grafico:

Il numero più grande (azzurro) si trova sommando il numero più piccolo (verde) con la differenza/resto (rosso).

Prendiamo una sottrazione a caso: 237 – 123, la risolviamo e troviamo il resto. Il resto è 114.

Ora per scoprire se il risultato è corretto cosa possiamo fare?

237 è il numero grande (azzurro)

123 è il numero piccolo (verde)

Abbiamo scoperto che la differenza è 114 (rosso).

Come abbiamo già visto in precedenza, sommando la parte rossa con la parte verde, scopriremo se la loro somma coincide con la parte azzurra.

114 (rosso) + 123 (verde) = 237 (azzurro)

Abbiamo svolto la prova della sottrazione e abbiamo scoperto che i nostri calcoli sono giusti, infatti 237 è proprio la cifra del numero grande (azzurro).


Author

Francesco Valeriani

Collaboriamo da tutta Italia per un futuro migliore. Lavoriamo per migliorare noi stessi e i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri gli altri video
Resta aggiornato

Il nostro manifesto EDU
Tutti noi possiamo fare qualcosa, tutti abbiamo ricevuto in dono dei talenti che possiamo mettere al servizio dell’altro. FormazionPrimaria.it ha selezionato 10 principi cardine sui quali costruire la propria identità di Formatore / Educatore. Educatori si è, tutti siamo educatori.
SCOPRI I PRINCIPI